Premessa per un futuro migliore

E’ sotto gli occhi di tutti una politica nazionale fatta di liti, di parole dure mai spese per affrontare i temi seri che coinvolgono i cittadini, ma in un susseguirsi di accuse di cui pensiamo siamo stanchi tutti. E’ ora di voltare pagina, bisogna credere sempre nella democrazia insegnare ai nostri figli che la politica è cosa buona a patto che sia cosa di tutti, una politica alla luce del sole.

Questo il nostro punto di partenza, che parte da Voi; i cittadini infatti devono ritrovare un ruolo centrale nelle decisioni del Comune, una Caldogno che non vuole più essere un quartiere dormitorio dove la crescita dei cittadini deve  corrisponde ad un aumento dei servizi.

Ripartiamo dal desiderio di vivere il Comune di conoscersi e socializzare.

Già molte amministrazioni hanno adottato meccanismi di democrazia diretta, seguendo questi esempi coinvolgeremo i cittadini in tutte le decisioni del Comune, a partire dai temi importanti: strade, marciapiedi,  parchi verdi, scuole, palestre, case e molto altro ancora.

Riconosciamo alle associazioni e nei comitati di quartiere un ruolo centrare nel nostro progetto, sono chi lavora nel territorio può conoscerne le reali esigenze, lo sport e il volontariato sono una ricchezza infinita per il Comune per questo vanno valorizzate con serietà.

 L’impegno concreto che ci sentiamo di prendere mira soprattutto ai servizi al cittadino, la carenza di strutture è per noi un’emergenza da affrontare con celerità: scuole e palestre non più sufficienti ad esaudire tutte le richieste, strutture per anziani e diversamente abili non autosufficienti che richiedono comunità alloggio; il tutto senza perdere di vista quello che per noi è centrale: il benessere del cittadino per questo bisognerà dotare le strutture pubbliche di fonti di energia pulita, un segnale per i cittadini di un diverso rapporto con l’ambiente sempre più sacrificato, e il nostro NO ad ulteriori grandi lottizzazioni, che non corrispondono sempre ad una reale esigenza dei Calidonensi, ma che arricchiscono grandi imprese e agguerrite immobiliari. Crediamo invece a politiche della casa attraverso la cooperazione edilizia, la risposta a giovani coppie, single e ceti meno abbienti.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.