Quest’uomo del governo che lavora lavora…richia di cambiare il paese!!

Trasporti, energia, burocrazia, professioni, taxi, ricariche telefoniche, commercio: come quegli instancabili supereroi che volano da un posto all’altro per correggere storture e ingiustizie, Pierluigi Bersani si occupa praticamente di tutto: incalza i farmacisti, bacchetta gli avvocati, rimbrotta i commercianti, si accorda con Di Pietro, fa progetti con Pecoraro Scanio, discute con Padoa Schioppa, insomma sembra lui il premier (dovrebbe esserlo?). Solo che non si è mai visto un Batman senza mascella prominente, anzi con la faccia da impiegato al Genio Civile, i capelli a chierica e la cantilena emiliana (normalmente gli eroi parlano un italiano da speaker).

Poco conta, l’importante è che Bersani non si fermi. Forse dal suo successo dipenderà il bilancio finale di questo governo, la cui attività sembra essere stata assorbita interamente dal suo ministero, l’unico che ha deciso seriamente di prendere a sberle un paese anchilosato per riformarlo. Qualcosa si è già vista: farmaci un po’ meno cari del 20%, un migliaio di panifici aperti senza bisogno di licenza, passaggi di proprietà meno costosi. Ma c’è ancora da fare.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.