VOGLIAMO il referendum su VICENZA e quella BASE strana del DAL MOLIN

Cari lettori, è già da qualche giorno che mi domando

come sia possibile che, ora l’ambasciatore

americano, ora il console americano, ora il comandante

della caserma Ederle, ora Tizio e ora Caio,

”r i n g ra z i n o ” il nostro caro sindaco per il sì espresso dal

consiglio comunale vicentino. Ma proprio nessuno ha

visto quanta gente si è mobilitata al fine di dire ”no al

Dal Molin”? Gigantesche marce e lunghi dibattiti nelle

diverse emittenti radio e tv tuttora vive! Il comportamento

evidenzia la mancanza di tatto, la noncuranza e

l’indifferenza snobbistica oltreché pericolosa fonte di

tensione e provocazione nei confronti dei ”cittadini del

no”, che in questo caso costituiscono la maggioranza,

quindi non rappresentata dal consiglio comunale. Un

eventuale referendum (speriamo vivamente in esso) lo

confermerebbe.

ospitiamo sul blog LA

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.